Vacanze di famiglia… un’esperienza nuova! Quali risorse possono aiutare?

La testimonianza di Roberta, mamma di Marta e Greta.

È estate, la scuola è finita, arriva il primo caldo ed è tempo di pensare alle vacanze!

Che bello, quest’anno niente più pancione, ma saremo finalmente in quattro! Marta 3 anni e Greta 8 mesi. Giochi in spiaggia, relax per noi grandi mentre le bimbe dormiranno al pomeriggio, pranzi e cena all’aperto, natura, sole, mare. Finalmente potremo rilassarci e aver dei giorni di famiglia tutti nostri!! Che bello!!

Questi i miei pensieri… Ora facciamo un salto nella realtà!

Elenco infinito di cose da prendere e caricare in auto… Avrò preso tutto? (Macchina che chiede pietà talmente è carica!!) Marta ormai al campeggio è abituata e le piace un sacco perchè si sente proprio libera da ogni schema. I miei pensieri sono per Greta: come prenderà questa vacanza lei che è molto abitudinaria? Dormirà la notte in tenda? Come facciamo con lo svezzamento? Tetta a richiesta? Con questo caldo pappine? Per il sole? Crema 50+, maglie bianche, cappellini, occhiali? Insomma mai stata così paranoica con la prima figlia, ma in questo periodo sembra di vivere con mille preoccupazioni in più!

Arrivati in campeggio tutti accaldati, stanchi, affamati…clima ideale per montare la tenda!

Nervosismo generale tra me e il papà, poi mi fermo a guardar le mie bimbe sedute su una coperta a giocare, gattonare in giro per scoprire, sorrido e penso: a volte bisognerebbe guardare il mondo e le situazioni con gli occhi di un bambino. Non c’è tempo, non c’è fretta, solo voglia di vivere il momento ed essere felice!Oggi è il terzo giorno di campeggio e devo ringraziare il sostegno di mamme amiche che mi hanno aiutata a superare questi giorni di caos!

Come tutte le nuove esperienze ci vuole il tempo di adattarsi.

Pensavo di vivere il campeggio come gli anni passati, ma mi sbagliavo perchè adesso siamo in quattro e tutti hanno le loro esigenze, bisogna solo trovare il modo di venirsi incontro. Allora ho adottato il consiglio della mia amica Nunzia:

“Viaggia a basso regime di aspettative..datevi tempo di adattarvi tutti al nuovo, poi ci si ritrova! Una delle strategie: sbollire in acqua i bollenti spiriti, quella del mare o della piscina, in mancanza, anche la doccia, volendo anche il lavandino!”

Che dire, ha funzionato!

Ora siamo qui, papà e bimba che si riposano sulla coperta all’ombra dei pini marittimi, mentre io sono a spasso nella pineta con la piccola che non ha tempo di dormire perchè vuole esplorare e conoscere tutto quello che la circonda! Non saranno le vacanze più rilassanti del mondo, ma forse uscire dalla routine aiuta a ritrovarsi e a tirar fuori le energie/strategie per crescere come famiglia!! 

😊
Roberta, Marco, Marta e Greta dopo l’equilibrio ritrovato!
0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *